School learning methodologies

School are closed again, and we start disrance learning (dad). I’d like to give you some suggestions about school learning methods.


Flipped classroom

One of the modern methodologies that has gained more popularity in recent years, Flipped Classroom is a pedagogical approach in which the traditional elements of the lesson taught by the teacher are reversed – the primary educational materials are studied by the students at home and, then, worked on in the classroom.

The main objective of this methodology is to optimize time in class by dedicating it, for example, to meet the special needs of each individual student, develop cooperative projects or work on specific tasks.

Project-Based Learning

With the arrival of new information and communication technologies to schools, both new teaching methodologies as well as new versions of existing methodologies, now revised and updated for the digital generation, have emerged. One of the most used in class at present is Project-Based Learning (PBL).

In its essence, PBL allows students to acquire key knowledge and skills through the development of projects that respond to real-life problems.

The teaching based on projects or integrated tasks, is today the best didacticurriculum’s content.

Starting from a concrete problem, instead of the traditional theoretical and abstract model, sees notable improvements in students’ ability to retain knowledge as well as the opportunity to develop complex competencies such as critical thinking, communication, collaboration or the problem solving.

Cooperative Learning

“Stronger together”. This concept in a simple way cooperative learning, a methodology that teachers use to group students together and, thus, impact on learning in a positive way.

The proponents of this model theorize that working in a group improves the attention, involvement and acquisition of knowledge by students.

The final goal is always group-oriented and will be achieved if each of the members successfully perform their tasks.

The main characteristic is that it is structured based on the formation of groups of 3-6 people, where each member has a specific role and to reach the objectives it is necessary to interact and work in a coordinated manner.

In a cooperative learning context, the final goal is always common and will be achieved if each of the members successfully performs their tasks. On the other hand, individual learning has students focusing on achieving their objectives without having to depend on the rest of their classmates.

Gamification

The integration of game mechanics and dynamics in non-ludic environments, or gamification, has been practiced for a long time. Over the past few years, however, and particularly due to the evolution of videogames, the phenomenon has gathered unprecedented dimension, and is one of the most talked about as a current and future trend of the EdTech industry.

Since, in the 80’s, games with an international vocation such as the “Carmen Sandiego” series or “Reader Rabbit” (see infographic below) have gained worldwide popularity, the development of educational titles has increased consistently. Not only those aimed at the general public but, ever more often, those specifically designed for students and particular courses.

This trend was consolidated with the increasing inclusion of gamification in school curricula and it is estimated that this inclusion will continue to grow in the future.

Problem-Based Learning

Problem-Based Learning (PBL) is a cyclic learning process composed of many different stages, starting with asking questions and acquiring knowledge that, in turn, leads to more questions in a growing complexity cycle.

Putting this methodology into practice does not only mean the exercise of inquiry by students, but convert it into useful data and information. According to several educators, the four great advantages observed with the use of this methodology are:

  • The development of critical thinking and creative skills
  • The improvement of problem solving abilities
  • Increased student motivation
  • Better knowledge sharing in challenging situations

Design Thinking

Education has always been a prolific space for innovation. Teachers all over the world are constantly coming up with new ideas and methodologies to introduce in the classroom making the best of the tools at their disposal.

Design Thinking (DT) applied stems from industrial designers and their unique method to solve problems and satisfy the needs of their clients. Applied to education, this model makes possible to identify with greater accuracy the individual problems of each student and generate in their educational experience the creation and innovation towards the satisfaction of others, which then becomes symbiotic.


Thinking-Based Learning

Beyond the debate around the effectiveness of learning by memorizing facts and data when discussing education, one of the most talked about aspects is the need to show students how to work with the information they receive at school. Teach them to contextualize, analyze, relate, argue… In short, convert information into knowledge.

In other words this is the goal of Thinking-Based Learning (TBL), developing thinking skills beyond memorization and, in doing so, developing effective thinking on part of the students.


Competency-Based Learning

By definition, all learning methodologies have the acquisition of knowledge, the development of skills and the establishment of work habits as their main goals. Competency-Based Learning (CBL) represents a set of strategies to achieve this.

Through assessment tools such as rubrics, teachers can go through the academic curriculum without significant deviations but focusing it in a different way, putting into practice real examples and, thus, transmitting to their students a more tangible dimension of the lessons.

17 Sustainable Development Goals

On 1 January 2016, the 17 Sustainable Development Goals (SDGs) of the 2030 Agenda for Sustainable Development — adopted by world leaders in September 2015 at an historic UN Summit — officially came into force.

Over the next ten years, with these new Goals that universally apply to all, countries will mobilize efforts to end all forms of poverty, fight inequalities and tackle climate change, while ensuring that no one is left behind. https://www.globalgoals.org/

“We only have one planet. We have nowehere else to go. If we use our creative powers properly we don’t need anywhere else. If we take care of it, and each other, everything we need is right here” Sir Ken Robinson

This is a film not to be missed.
We teachers must promote the use of the Sustainable Development Goals in learning so that children can contribute to a better future for all.  From citizenship and justice to climate change and the environment, inspire children to make a difference!

Scrivere le date in inglese

La scuola è ricominciata da qualche giorno. Che giorno? Ti ricordi la data? Come si scrivono le date in inglese?

Rivediamo assieme come scrivere la data. Si, la data perché ci sono vari modi, tutti altrettanto corretti, ma diversi per scrivere la data.

Può essere talvolta un po’ difficile, soprattutto non è sempre facile ricordarsi di usare i numeri ordinali. In più molte difficoltà derivano anche da alcune differenze importanti fra il modo di esprimere le date, sia nella forma verbale che scritta, da americani e inglesi: oggi ti insegnerò come si scrivono le date in inglese!

Ecco il vocabolario e le frasi necessarie per scrivere le date in inglese correttamente

Struttura Inglese americano:
mese-giorno-anno
Inglese britannico:
giorno-mese-anno
1 March the sixth, 2019 The sixth of March, 2019
2 March 6th, 2019 6th March 2019
3 03/06/19 06/03/19
  1. Questo è un modo estremamente formale per scrivere le date in inglese. Lo si trova, ad esempio, sui biglietti di invito a cerimonie o eventi legati al mondo del business.
  2. Questa struttura un po’ più lunga risulta anche più cortese per il lettore, motivo per cui la si usa spesso nelle lettere professionali.
  3. La struttura abbreviata è più comunemente utilizzata per scrivere le date in inglese in lettere o moduli commerciali.

Prima dell’anno 2000

1492: fourteen ninety-two

1600: sixteen hundred

1801: eighteen ‘oh’ one

1908: nineteen ‘oh’ eight

Dopo l’anno 2000

2000: two thousand

2003: two thousand and three or twenty oh three

2012: two thousand and twelve or twenty twelve

Ad eccezione di maggio e giugno (May and June), i mesi possono essere abbreviati: Jan, Feb, Mar, Apr, Jul, Aug, Sept, Oct, Nov, Dec. I mesi sono sempre indicati con la lettera maiuscola!

Nell’inglese parlato, si utilizzano sempre i numeri ordinali per le date.

1st          first                             11th       eleventh                     21st        twenty-first

2nd         second                        12th       twelfth                       22nd       twenty-second

3rd         third                           13th       thirteenth                  23rd       twenty-third

4th          fourth                         14th       fourteenth                 24th        twenty-fourth

5th          fifth                             15th       fifteenth                    25th        twenty- fifth

6th          sixth                            16th       sixteenth                   26th        twenty-sixth

7th          seventh                       17th       seventeenth              27th        twenty-seventh

8th          eighth                         18th       eighteenth                 28th        twenty-eighth

9th          ninth                           19th       nineteenth                29th         twenty-ninth

10th      tenth                          20th       twentieth                  30th         thirtieth

Come si domandano le date in inglese

  • What day is it today?
  • What’s the date (today)?
  • What is today’s date?

L’esame di stato per la Scuola secondaria di primo grado


L

Le indicazioni ministeriali per la Scuola secondaria di primo grado

Finalmente dopo tanta attesa sono arrivate le indicazioni dal MIUR su come svolgere gli esami finali del primo ciclo di istruzione in questo particolarissimo anno 2020, che ci ha visti per vari mesi in una sgradevole situazione di lockdown a causa dell’emergenza Covid-19, e con una sperimentazione di didattica a distanza che, in bene o in male, ci ha provati tutti e, in certo qual modo, ci ha cambiati

L’O.M. 9 del 16 maggio scorso conferma, per gli esami in questione, la presentazione, da parte degli alunni, di un elaborato finale su una tematica concordata con i docenti “in una logica trasversale di integrazione tra le discipline”. Tale elaborato potrà essere anche un lavoro digitale o un filmato e non solo un “classico” elaborato scritto; dovrà essere inviato ai docenti secondo le modalità scelte da ogni scuola e debitamente comunicate alle famiglie, e commentato oralmente da ciascun alunno, in modalità telematica, secondo un calendario stabilito dai dirigenti scolastici.
Ormai, da due anni a questa parte, i docenti di lingue straniere ci eravamo abituati a una sorta di stretto connubio durante gli esami e ci sembra abbastanza naturale portarlo avanti anche in questa versione 2020, pur non avendo un esame scritto da condividere.

Da dove partire?

Dal tema concordato con gli alunni e assegnato loro dai docenti.
È bene raccomandare ai nostri alunni che, indipendentemente dal lavoro che decideranno presentare (un tradizionale testo scritto o un lavoro digitale un po’ più dinamico), è necessario che preparino una mappa in cui evidenzino i collegamenti interdisciplinari che sono riusciti a trovare in base al tema loro assegnato. Esistono tanti tutorial in rete che spiegano ai meno pratici con l’informatica come realizzare queste mappe con gli applicativi più comuni.

Sicuramente la raccomandazione più grande che dovremmo fare è quella di scrivere una buona motivazione sul tema e sui collegamenti realizzati, nell’ottica di personalizzare il più possibile il lavoro e capire, pur implicitamente, il grado di conoscenza degli argomenti illustrati: un alunno che spiega il come e il perché un argomento di una determinata materia si collega al tema trattato significa che sa di cosa sta parlando e non sarà necessario continuare a indagare con domande meramente contenutistiche; se proprio vogliamo chiedere qualcosa, e riteniamo che l’alunno in questione abbia buone capacità di esprimersi in lingua straniera, potremmo rivolgere domande che stimolino la riflessione e la critica. Agli alunni con bisogni educativi speciali che hanno seguito un PDP, potremmo indicare di approfondire un testo di civiltà già studiato durante l’anno e che si colleghi al tema assegnato, e suggerire di corredarlo con delle immagini per poi svolgere accertamento linguistico chiedendo la descrizione dell’immagine o delle immagini inserite nella mappa.

Idee di aggancio al tema per le lingue straniere

  • Partire da un testo di civiltà o attualità affrontato durante l’anno, suggerendo alcuni aspetti da approfondire.
  • Partire da un libro letto durante l’anno (anche in versione facilitata) per parlare di come nel racconto si evinca il tema che stiamo trattando. Per esempio Nelson Mandela o Martin Luther King (per agganciarli al tema dei “diritti umani”… è sempre bene riportare i temi all’attualità e all’esperienza personale dei ragazzi.
  • I nostri studenti sono parecchio tecnologici, almeno la stragrande maggioranza, e riescono a realizzare dei lavori digitali con il semplice cellulare, attraverso delle app che permettono anche la sovrimpressione di testi o l’inserimento di un sottofondo musicale. Quindi si potrebbe partire da un’attività (probabilmente realizzata durante il triennio) abbastanza coinvolgente come quella di realizzare una video ricetta e chiedere di aggiustare o rifare il video in lingua straniera su un piatto tipico di un paese anglofono, francofono… aggiungendo i sottotitoli in italiano. Da lì collegare altre materie come geografia (il continente di quel paese del cui piatto tipico stiamo parlando), scienze (vitamine, proteine ed energie provenienti dal cibo), tecnologia (il mercato equo-solidale), ecc.
  • Partire dall’Agenda ONU 2030 con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile Globale, alcuni dei quali sicuramente sono stati trattati, durante l’anno, anche in modalità trasversale con i colleghi di altre discipline. Anche in questo caso, data la complessità di alcuni temi, si può sempre adeguare il livello, in sede di discussione orale, facendo descrivere delle opportune immagini inerenti al tema o chiedendo opinioni personali su di esso.

Questi sono solo alcuni spunti per guidare i nostri ragazzi nell’ormai poco tempo che rimane per la conclusione e sono sicura che la fantasia di noi docenti di lingue straniere può arrivare anche oltre, sempre con l’obiettivo di far capire quanto sia importante sapersi esprimere e comunicare in altre lingue proprio in un periodo in cui ci siamo sentiti globalmente accomunati vivendo questa strana e surreale situazione, e sempre con il pallino di dimostrare quanto sia divertente parlare una lingua straniera, anche all’esame 2020.

English online!

Se ti continui a dire che vorresti migliorare il tuo inglese ma non ne hai il tempo, perché non provi un corso d’ inglese online?

Ti elenco solo alcuni dei vantaggi:

  1. puoi farlo in pigiama, nessuno ti vedrà
  2. tieni la tua tazza di caffè/tè vicina, sarà un momento di relax
  3. qualsiasi argomento ti interessi, possiamo creare un programma giusto per te

Quindi, se vuoi migliorare la conversazione e l’ascolto, facendo anche qualche esercizio scritto o leggendo e guardando anche dei video e quando vuoi tu
sei nel posto giusto! Ti lascio un po’ di spunti per quello che possiamo fare insieme, ma sappi che tutto si può organizzare come preferisci

Corso elementary (20 h)
Per chi non ha mai studiato l’inglese, neanche per sbaglio. Partiamo dall’alfabeto e arriviamo a descrivere le azioni più semplici, la spesa, la famiglia, i vestiti.        

Corso pre-intermediate (20 h)
Per chi l’ha studiato un po’ a scuola ma vuole ripassare le basi e arrivare fino a descrivere casa propria e a organizzare un viaggio con google flights (perché sì, ai viaggi non si rinuncia!!!)

Corso intermediate (20 h)
Per chi già se la cava, ma vuole rispolverare alcuni elementi più critici di grammatica e vari argomenti di carattere generale.

Corso advanced (10/20 h)
Per chi è già sciolto, però vuole mantenere vivo il proprio inglese. Video + conversazione sono le parole d’ordine di questo stimolante corso online.

Video-based (10h)
Lezioni basate su video. Cibo per la mente, in English of course.

Business English (10h/20 h)
Per chi ha a che fare con colleghi, clienti e fornitori stranieri e vuole cavarsela meglio nella vita in ufficio di tutti i giorni.

Sola conversazione (10h)
L’argomento e la difficoltà variano in base al livello. Disponibile da intermedio a avanzato. Fruibile anche da telefono, mentre passeggi.

Info & Domande frequenti
Massima flessibilità.
Per alcuni corsi sono consigliate almeno 20 ore di lezione (corso elementary, pre-intermediate e intermediate). Per altri si può partire da 10 o selezionare le unità di proprio interesse in base al programma specifico di ogni corso (per esempio, per il corso business, si può decidere di partecipare solo alle unità meetings, telephone e email) abbinandole a qualche ora di video o conversazione.
Ci sto! Cosa mi serve?
Un pc, internet, possibilità di scaricare il software zoom (gratuito).
Quando iniziamo?
Già dalla prossima settimana se vuoi!

Chi contatto?
Scrivimi una mail stefyn1@libero.it oppure lasciami un messaggio in chat!
Non sei sicuro? Mentre ci pensi su, seguimi su facebook /instagram o nel sito  www.loradinglese.it

Teaching English without Teaching English

Teaching English through the content not only the form
Insegnare l’inglese attraverso il contenuto non solo la forma

Durante l’insegnamento dell’inglese, ho sperimentato che i miei studenti possono rispondere più o meno bene a prove scritte e quiz senza problemi e, stranamente, allo stesso tempo, questi stessi studenti non riescono a “mantenere” una conversazione completa. Questa situazione non è rara.

Come posso affrontare un simile problema?

Perché non allontanarmi un po’ nel dare attenzione alla forma verso un approccio equilibrato all’insegnamento della lingua che tenga conto anche del significato?

In altre parole, che dire di concentrarmi sia sulla forma che sul significato.

Trovare un equilibrio tra accuratezza e attività basate sulla fluidità significa che dovrei coinvolgere gli studenti in compiti significativi in ​​cui devono interagire per negoziare un significato, pensare in modo critico, sintetizzare, analizzare e valutare – un mix di critical pedagogy  e Dogme approach.

Il seguente discorso, che potreste ascoltare, tratta di queste idee.

Il discorso è tenuto da Roberto Guzman a un evento TEDx. Egli presenta in questo discorso il suo sistema trifase che usa per insegnare l’inglese senza insegnare l’inglese. Gli obiettivi di Guzman sono duplici:

 Migliorare l’esperienza d’ apprendimento per gli studenti.

 Migliorare la pratica dell’insegnamento per gli insegnanti.

Roberto Guzman parla di un “sistema” che consiste in tre passaggi:

1. Sviluppare il pensiero critico ponendo domande;

2. Individuare e neutralizzare gli errori logici per distinguere ciò che è vero da ciò che è falso;

3. Identificare i livelli di cognizione che iniziano dal ricordare e finiscono con l’analisi, la sintesi e la valutazione.

Tutto ciò avviene focalizzandosi sul contenuto / significato, in cui la forma è solo un sottoprodotto.

Quindi, se gli insegnanti vogliono che i loro studenti siano in grado di usare e godere della lingua, non solo di superare un esame, è meglio che adottino un tipo d’ insegnamento conversazionale in cui gli studenti sono coinvolti nel processo di apprendimento. “Dovrebbero essere in grado di sapere come cucinare, non solo come leggere un ricettario”.

Chi è Robert Guzman?

Robert Guzman è professore ordinario all’Università di Puerto Rico, Aguadilla Campus. Guzman tiene corsi d’ inglese universitario in cui sottolinea lo sviluppo di capacità di pensiero critico e abilità pratiche di sviluppo linguistico. È anche scrittore freelance e commentatore politico del programma radiofonico WPRA 990 AM Comunicando con il conduttore Toti Figueroa.

Guzman ha già pubblicato diversi libri tra cui:

  • The Devil’s Advocate Reader.
  • Tropical Tales of Terror.

The TED talk video

La traduzione asseverata: il nuovo Regolamento 1191/16

Innanzitutto auguro BUON 2020!

All’interno del mio sito, come ben sai, trovi varie informazioni legate alla lingua inglese, ma anche una Guida pratica alla traduzione asseverata oltre a una guida definitiva alle traduzioni giurate. Da queste due ho tratto le informazioni più importanti per questo post che spero ti siano utili! Oggi parliamo del Regolamento 1191/16.

Dallo scorso febbraio 2019, con il Regolamento 2016/1191 non è più necessario legalizzare i documenti pubblici, apporre l’apostille e addirittura tradurre vari tipi di certificati, perché lo stesso Regolamento prevede la creazione di una serie di moduli multilingue che accompagneranno il certificato.

 Cioè, traduzione di certificati addio? Basta apostille e legalizzazione???

Se hai poco tempo, ti riassumo qui sotto quello che devi sapere:

1) il nuovo Regolamento 1191 prevede l’eliminazione della legalizzazione/apostille e traduzione per alcuni specifici atti pubblici (nascita, morte, filiazione, nome, divorzio)
2) se necessaria una traduzione, basterà la traduzione certificata (eseguita da CTU)
3) per evitare la necessità di traduzione, tali documenti dovranno essere accompagnati da moduli multilingue standard che però da soli non hanno alcun valore legale
4) questi documenti riguardano solo gli Stati UE (cioè devono essere rilasciati da uno Stato UE e prodotti in un altro Stato sempre UE).
Capiamo meglio che cosa prevede il Regolamento 1191/16: il testo completo del Regolamento è disponibile qui.

Per le rimanenti informazioni, guarda questa mini infografica 😉 

Se hai dubbi,scrivimi! Sarò  lieta di aiutarti!

Domande inglesi utili per conoscere nuovi amici

Vi presento alcune domande utili per farsi nuovi amici e dato che tra pochi giorni inizieranno le vacanze di Natale, vi potrebbero servire!

Vi propongo alcune domande giuste da porre ai vostri nuovi amici e perché no, inglesi?

Uno degli stereotipi più noti sugli anglosassoni è quello di essere di poche parole. Frasi rapide, nette e concise. Ma in realtà non è proprio così. La paura dei momenti di silenzio e d’ imbarazzo con qualcuno che non conosciamo è sempre dietro l’angolo, ma è in inglese che il rimedio a questa situazione si è trasformato in arte. Il chitchat è un requisito essenziale per l’inglese e oggi vi consiglierò un bel po’ di domande in inglese per conoscersi in modo naturale e divertente!

Domande in inglese per conoscersi e fare nuove amicizie!

How much does a polar bear weigh? …Enough to break the ice. (Quanto pesa un orso polare? Abbastanza da rompere il ghiaccio.)

Almeno una volta nella vita ti sarai trovato a dover interagire con degli estranei. Ogni contesto porta con sé diversi approcci consigliabili per rompere il ghiaccio. Per esempio, persone di culture diverse hanno una cosa in comune: amano parlare di sé stesse.  Quindi un modo per avere successo nelle tue conversazioni in inglese è quello di fare molte domande e il trucco è sapere quali domande funzionano meglio in quali situazioni.

Al lavoro

Se lavori per un’azienda multinazionale, è probabile che dovrai comunicare quotidianamente con i colleghi in inglese. Durante una convention o una riunione di lavoro, i rompighiaccio giusti ti aiuteranno a fare una grande impressione e ti permetteranno di stabilire rapporti e connessioni durature all’interno del tuo ambito professionale.
In questo contesto, hai già un terreno comune da cui iniziare la conversazione; lavorate per lo stesso datore di lavoro!

How long have you been working for …?
Questa domanda è un ottimo punto di partenza. Invita il tuo interlocutore a parlare di sé stesso e, a seconda della risposta, potrebbe portarti a individuare ancora più cose in comune (forse avete iniziato nello stesso anno o magari è nuovo e ha bisogno di qualche dritta).

Where did you work before starting here?
Questo è il naturale proseguo alla prima domanda: inviti la persona ad aprirsi sulle sue esperienze lavorative passate. Dal momento che la domanda è ancora saldamente all’interno dei confini professionali, puoi stare tranquillo… non stai ficcando il naso nella sua vita personale. È il modo migliore per conoscere un po’ di più del tuo collega senza essere invadente.

A scuola

Il primo giorno di università è sempre un’esperienza emozionante anche se snervante. Hai una nuova routine, nuove responsabilità e nuove persone che stanno iniziando il loro percorso insieme a te. Se decidi di frequentare la scuola all’estero, hai l’ulteriore stress di dover affrontare tutte queste nuove sfide in inglese! Il college è il luogo in cui si stringono molte amicizie durature e le prime due settimane sono cruciali perché fondamentalmente si è tutti in cerca di nuove persone con cui parlare e intorno si hanno tante facce nuove.
A differenza dell’ambiente di lavoro, questo contesto è molto più rilassato e quindi hai meno vincoli nella conversazione. Ma ricordati! Solo perché si può essere informali, non significa che si può essere scortesi!

Where are you from?
Questa è una delle più basilari domande in inglese per conoscersi, ma di valore inestimabile, da tenere a portata di mano nel tuo repertorio. È il trampolino di lancio per una grande varietà di potenziali risposte, ognuna delle quali porta con sé ancora più opportunità di indagine. Forse non hai mai sentito parlare della città di origine del tuo interlocutore, nel qual caso potresti chiedere maggiori dettagli al riguardo. O forse l’hai visitata come turista, e vorresti avere maggiori informazioni  dalla prospettiva di chi ci è nato. Forse conosci qualcuno della stessa piccola città e avete un amico comune! Le combinazioni sono infinite.

What do you do for fun?
Tra le generazioni più giovani, questa domanda può spesso essere vista come un’arma a doppio taglio. Alcune persone la accolgono con favore, soprattutto chi ha molti hobby e nel tempo libero si dedica a tante attività. Tuttavia ci sono molte persone che lavorano troppo e non hanno molto tempo a disposizione. Queste persone potrebbero essere imbarazzate da questa domanda, dato che le loro vite non prevedono troppo spazio per il divertimento. Se ti capita di porre questa domanda alla persona sbagliata, quindi, puoi sempre passare a fare domande sul suo lavoro e invitarla a lamentarsi della sua vita frenetica e di quello che vorrebbe fare se avesse ritmi diversi. 

Amici di amici

Quante volte ti sei unito a un amico a cena o per un drink? Se hai una cerchia di amici internazionali, o se stai visitando un amico che si è trasferito all’estero, è probabile che ti trovi in gruppi in cui (a parte lui) non conosci nessun altro! L’atmosfera in queste situazioni è ovviamente meno formale rispetto a un ambiente di lavoro, ma potenzialmente rischiosissima per i momenti di imbarazzo (spera sempre che il tuo unico amico non debba andare in bagno nel corso della serata!). Quali domande possono salvarti?

What do you do?
A scuola ti insegnano what is your job. Anche se questo è l’inglese corretto, il modo più comune per informarsi sul lavoro di qualcuno è attraverso la domanda meno diretta. Questo evita qualsiasi imbarazzo relativo alla disoccupazione o a mestieri non tradizionali (come la casalinga o il lavoro autonomo).

How do you know (nome di un amico)?
Questo è un bel modo per iniziare a parlare con un amico di un amico. Questa domanda ti permette di rompere il ghiaccio in modo molto naturale e può anche darti un’idea delle dinamiche del gruppo. Potresti anche sentire delle storie molto divertenti sui primi incontri!

Have you ever_____?
Read War & Peace? Been to Australia?
Chiedere dell’esperienza di una persona è sempre un ottimo modo per iniziare una conversazione. Hai grande libertà di inserire tutti i dettagli che desideri, dipende ovviamente da ciò di cui vuoi parlare. Forse si può scoprire un’esperienza condivisa! O un lato della persona dell’altro che non conoscevi o che non ti saresti mai aspettato.
Questa è una domanda ottima sia per situazioni formali che informali, ma i dettagli che aggiungi si basano molto sul contesto in cui ti trovi.

Le abbreviazioni in inglese più usate in azienda

Le dieci abbreviazioni in inglese più usate in azienda: il tempo è denaro sia nello scritto che nel parlato: esistono una serie di abbreviazioni in inglese utili proprio a risparmiare tempo.

Il tempo è denaro e sia nello scritto che nel parlato, esistono una serie di abbreviazioni in inglese utili proprio a risparmiare tempo. Gli acronimi sono una parte fondamentale dell’inglese in azienda, ma se non sei pratico rischi di farti spaventare da parole che, in realtà, ti salveranno la vita lavorativa e ti aiuteranno ad accorciare notevolmente i tempi! E poi anche negli uffici italiani ormai si parla praticamente sempre inglese 

Quale fra queste abbreviazioni in inglese è più utile nel tuo lavoro?

1.    FYI

FYI = For Your Information (parola “cardine” dell’inglese in azienda; è usata quando si vuole informare qualcuno di qualcosa in maniera informale)

E.g. FYI, there will be a team meeting next week so please be prepared.

2.    BTW

BTW = By The Way (usata per introdurre una nuova “variabile” da considerare o per dare maggiori informazioni)

E.g. I had a chance to read the brief BTW, everything looks good to me.

3.    TBD

TBD = To Be Determined (una fra le abbreviazioni in inglese più utilizzate per identificare uno o più dettagli ancora da decidere)

E.g. The exact date of the conference is TBD, we will know by next week.

4.    EOD

EOD = End Of Day (nell’inglese in azienda questo acronimo può significare prima della chiusura o prima di andare a casa)

E.g. I need the proposal on my desk by tomorrow EOD.

5.    N/A

N/A = Not Applicable (sigla usata in un form quando una domanda non è applicabile al candidato)

E.g. If a question does not apply to you, please put N/A in the box.

6.    ETA

ETA = Estimated Time of Arrival (il tempo di arrivo presunto)

E.g. What’s your ETA?

Ma l’inglese in azienda non sarebbe niente senza queste abbreviazioni…

7.    ASAP

ASAP = As Soon As Possible (il prima possibile, cioè… immediatamente)

E.g. Please email them ASAP to confirm the reservation.

8.    I.E.

i.e. = in other words (finalmente una delle abbreviazioni in inglese che viene dal latino, da id est che significa that is)

E.g. The server is having some problems i.e. the internet won’t be working for a period of time.

9.    FAQ

FAQ = Frequently Asked Questions (l’inglese in azienda passa anche da una lista di domande “frequenti” relative a topic specifici. Se sei curioso di conoscere altre espressioni e frasi diffuse ecco le parole inglesi più utilizzate in ufficio.)

E.g. On our website you can find the FAQ’S at the bottom of the page.

10.  Re:

Re: = regarding or with reference to (una fra le abbreviazioni in inglese più usate in documenti o email per introdurre un determinato argomento)

E.g. Re your email, I’m sorry that at this time I’m unable to confirm the number of guest.

Se vuoi avere una panoramica più completa delle skill utili per sopravvivere in un ufficio e se vuoi approfondire alcuni aspetti dell’inglese in azienda, sono molti i corsi d’inglese utili, per esempio, potrebbe essere l’ideale per un’impresa che vuole dotare i suoi dipendenti degli strumenti linguistici giusti per affrontare nuove ed entusiasmanti sfide.

Le 6 migliori app per studenti di lingua inglese

In estate, tutti hanno una grande voglia d’ imparare o migliorare il proprio inglese e se attualmente lo stai facendo, ti consiglio vivamente di dare un’occhiata alle seguenti app.

Ti sto indirizzando verso le migliori app attualmente disponibili che ti aiuteranno ad imparare velocemente l’inglese.

Basta scaricarle ma non è sufficiente. Devi usarle in base alle tue esigenze. Ciò che è utile per te potrebbe non funzionare per gli altri.

Ecco le mie 6 app preferite (senza nessun ordine particolare):

1: Grammarly (Migliora la tua scrittura e fai meno errori)

Io uso quest’ app e la consiglio vivamente. È molto più di un semplice correttore ortografico. Evidenzia anche gli errori grammaticali e ti dà la spiegazione.

Ad esempio, diciamo che scrivi:  I’ve been in France before “. Grammarly ti dirà di cambiarla in:  I’ve been to France before “.

Quest’app è utilissima!

(Nota: guarda qui )

Puoi usare queste app sul tuo computer e anche download le loro mobile keyboards da utilizzare sul tuo telefono.

2: Anki (Digital Flashcards Everywhere)

Se mi segui da un po’, saprai che credo nel metodo To Fluency Sentence.

In questo sito puoi leggere ed ascoltare frasi e frasi e le ripeti in modo intelligente. Questo è il modo migliore per imparare nuove parole e interiorizzare la grammatica, dopo averla imparata. Puoi farlo concentrandoti sul tuo parlare , scrivere e leggere.

Anki ti consente di aggiungere le tue flashcard digitali (con audio) o caricare le schede che altri hanno realizzato.

Ecco alcuni suggerimenti per l’utilizzo di Anki:

  • utilizzare frasi complete per ottenere il massimo beneficio
  • non aggiungere troppe nuove cards se le vuoi ripetere
  • fai un po’ d’esercizio tutti i giorni

Scarica Anki qui

3: Hello Talk (Get Speaking and Writing Practice with English Speakers)

Se non l’hai ancora usata, l’ amerai!

Quest’ app ti consente di parlare in tempo reale con persone provenienti da tutto il mondo. Ti dà la speaking practice di cui tanti hanno bisogno.

L’app include chiamate audio e video, messaggi di testo, strumenti di traduzione, chat di gruppo e un’eccezionale funzione di ricerca in modo da poter trovare nuovi amici.

Grazie a questo genere di app, farai pratica di lingua e scrittura.

Scarica: web / ios / android

4: BBC Learning English (lezioni di inglese basate sulle notizie)

Se preferisci le lezioni strutturate, quest’ app è per te.

Impara nuovi vocaboli, prendi lezioni di grammatica e migliora la tua pronuncia prendendo lezioni che si basano sulle notizie. Aggiornano sempre la loro app e recentemente hanno aggiunto i sottotitoli ai loro video.

Scarica: IOS | androide

5: Lingoda (prendere lezioni private e di gruppo in inglese online)

Quest’app ti consente di prendere lezioni private e di gruppo online(se non vuoi farle con me, of course).

Le lezioni durano un’ora e puoi registrarti per lezioni singole o per abbonamenti mensili. Scegli gli insegnanti per argomento e per il tuo livello. Tutti i materiali sono forniti dall’insegnante.

Anche se non hanno un’app dedicata, puoi prendere lezioni dove ti trovi e su qualsiasi dispositivo.

Inizia con Lingoda qui

6: Lingq: (Lezioni rapide e prova il tuo inglese)

Questa è una great app che sta “guadagnando” molta popolarità.

Prendi lezioni (o importa le tue) e poi, salva le parole e usa il loro SRS (come Anki) per memorizzare ciò che hai imparato.

C’è molto di più in quest’ app e consiglio vivamente di provarla. 

A te

Un’ultima cosa…

… ricorda che ciò che funziona per te potrebbe non funzionare per gli altri. E proprio come con qualsiasi altra cosa, queste app sono utili solo se le usi nel modo giusto.

Grazie per aver letto tutto. Se hai trovato utile questo post, condividilo con i tuoi amici! Buon Agosto!!